dona on line
Dec 4, 2013

Imparare a partecipare: Forum di consultazione tripartita e dialogo sociale nelle province per un autentico dialogo sociale

Il dialogo sociale, in senso più ampio, si riferisce ad un tipo di relazioni orizzontali tra lo Stato e le organizzazioni della società civile (sindacati, imprese, associazioni, gruppi, comunità, ecc) con l'obiettivo di affrontare insieme e affrontare i problemi sociali e contribuire allo sviluppo di soluzioni basate sul consenso e sulla prevenzione dei conflitti.
Gli sforzi del  dialogo sociale dovrebbero essere finalizzati a rafforzare gli strumenti di promozione efficaci per la promozione dei diritti sul lavoro, attraverso meccanismi di dialogo sociale a tutti i livelli (nazionale, provinciale e distrettuale). In questo senso, intendiamo ampliare l'esperienza del livello centrale alla base , promuovere la capacità delle parti sociali sulle questioni relative al dialogo sociale . Una delle maggiori sfide affrontate dalle istituzioni del dialogo sociale come il Comitato consultivo del lavoro (Comissão Consultiva do Trabalho CCT) è la mancanza di competenze e capacità di negoziazione , il che significa che le deliberazioni sono sbilanciate e generalmente negative. Inoltre, non vi è alcun meccanismo appropriato di coordinamento tra la CCT e le istituzioni provinciali del dialogo sociale. La terza questione è legata alla preoccupazione sollevata che sostiene che è la costituzione della CCT a escludere gli altri gruppi sociali il cui coinvolgimento potrebbe aggiungere valore allo sviluppo di politiche sociali ed economiche .

Il Mozambico è firmatario di diverse convenzioni dell'OIL volte a sostenere il dialogo sociale.
Il mandato principale del CCT è quello di promuovere la discussione e la collaborazione su questioni relative alla  governance, l'occupazione e la politica sociale ed economica del paese nel mercato del lavoro attuale. All'interno della politica di decentramento in corso, il CCT sviluppa azioni volte a promuovere la discussione e la consultazione nelle varie province. Questo permette alle parti sociali e le amministrazioni provinciali di decidere sulle questioni relative allo sviluppo socio-economico. Nonostante la forte cultura del dialogo sociale nel paese, l'efficacia del CCT è stata ostacolata dalle limitate  capacità negoziali dei partner tripartiti, capacità insufficiente di ricerca delle parti sociali e la mancanza di efficacia dei meccanismi di coordinamento e collegamenti tra i processi di dialogo sociale nazionale e provinciale.
Dall'adozione di economia di mercato è stata introdotta nel paese la contrattazione collettiva come strumento di regolamentazione dei termini e delle condizioni di lavoro, il miglioramento della democrazia industriale e la promozione di rapporti di lavoro armoniosi e creazione di relazione sul posto di lavoro. Negoziati collettivi sono stati realizzati e sono cresciuti in termini di copertura e vengono registrati nei vari settori, soprattutto nel settore del turismo e dell'ospitalità, la costruzione, il commercio, i servizi, l'agricoltura. Nonostante questa crescita nella copertura, la contrattazione collettiva è stata ostacolata da insufficienti vantaggi reciproci derivanti dalle limitazioni nelle capacità di negoziazione e discussione dei salari da parte delle organizzazioni dei lavoratori. Questa situazione ha lasciato fuori dell'ambito di contrattazione collettiva altre questioni importanti quali il miglioramento della produttività, l'uguaglianza di genere, la sicurezza e la salute, ecc.
Sono queste le ragioni che hanno fatto nascere questo progetto che ha come obiettivo la formazione dei partecipanti ai tavoli di negoziazione e la sue promozione ai livelli provinciali e distrettuali.

Località: Mozambico, tutte le Provincie (Regioni)

Valore complessivo: 1.324.447 euro

Co-finanziato da: Commissione Europea,  Iscos Nazionale (capofila), Iscos Emilia Romagna

Realizzato in collaborazione con:  Iscos Nazionale (capofila), Iscos Emilia Romagna

Partner locali: CTA, CONSILMO, OTM-CS, e come associato locale CCT

Obiettivi del progetto:

  • Il dialogo sociale come strumento per la prevenzione e mediazione dei conflitti
  • Funzionamento del forum tripartito per la consultazione e il dialogo sociale a livello di capoluoghi di provincia.

Le attività:

  1. Organizzazione di seminari regionali (Sud - Centro - Nord e provinciali)
  2. Ciclo di incontri sulla prevenzione conflitti e il dialogo sociale a livello provinciale
  3. Preparazione di studi sul miglioramento delle condizioni di lavoro, stipendio, salario minimo e l' impatto della legislazione del lavoro in materia di occupazione e di business .
  4. Serie di incontri sulla prevenzione dei conflitti e il dialogo sociale a livello provinciale
  5. Formazione per dirigenti distrettuali e dei tecnici nell'ambito del lavoro, sul diritto del lavoro e dialogo sociale tra le parti.
  6. Formazione sul ruolo delle donne in ambito del lavoro e nella presa delle decisioni
  7. Creazione di un sito web multilingue che fornisce informazioni e accesso a tutti
  8. Realizzazione di una ricerca sul dialogo sociale e responsabilità sociale delle e nelle imperese locali e straniere a Tete
  9. Organizzazione di Giornate di dialogo sociale e scambio con i paesi CPLP e SADC e scambio di esperienze
  10. Formazione  nel rafforzamento del dialogo sociale
  11. Sviluppo e diffusione della normativa sul lavoro
  12. Formazione nelle imprese in materia delle condizioni del lavoro (salute e sicurezza)
  13. Trasmissioni TV e radio

I beneficiari:

  • 396 participanti ai Forum tripartiti di consultazione e concertazione sociale a livelle delle Provincie;
  • 36 participanti nacionali del CCT;
  • 128 Amministratori Distrettuali;
  • 262 Assessori e direttori distettuali degli uffici del Lavoro.